Zest, il termine moderno di chiamare la scorza di limone

0
298
zest

Scopriamo origini e curiosità della parola “zest”, il termine amato dagli chef e dai più celebri barman.

L’introduzione di parole straniere nel nostro vocabolario ha generato nel XXI secolo il dilagante fenomeno dell’aglicismo, che ha influenzato soprattutto le terminologie di specifici settori. La parola “Zest” ne è proprio un chiaro esempio.

scorza limoneNell’ambito culinario e della mixologia, ossia l’arte della realizzazione di cocktail, il termine zest sostituisce la parola scorza di limone o di agrume, come vocabolo prettamente professionale e tecnico. In realtà, la parola zest indica la specifica parte colorata della scorza dell’agrume, quella che contiene maggiormente gli oli essenziali del frutto, che è privata dello strato calloso e bianco.

Nella lingua italiana, per distinguere queste due specifiche parti dell’agrume, esistono delle parole ben precise appartenenti alla terminologia scientifica botanica, che sono:

  • FLAVEDO – dal latino flavus “biondo”, la parte più esterna della buccia degli agrumi.
  • ALBEDO – dal latino albus “bianco”, la parte più interna, bianca e spugnosa della buccia degli agrumi.

ORIGINE DEL TERMINE

L’origine della parola zest è in realtà sconosciuta, ma alcuni studiosi sostengono risalga ad un antico termine francese, poi successivamente evolutosi in zeste. Nella lingua inglese si attesta l’uso di questo termine per la prima volta nel 1674, così come specificato nell’ODEE, Oxford Dictionary of English Etymology.

zest con rigalimoniIl termine zest, il cui significato generico è dunque “buccia di limone o arancia”, è stato introdotto nella nostra lingua in epoca moderna e italianizzato in zesta o più frequentemente al plurale zeste, per definire striscioline sottili di scorza di agrume, usate per aromatizzare dolci o effettuare decorazioni.

Con la diffusione di questo termine in ambito culinario è stata di conseguenza introdotta  anche la parola zester, per identificare il cosiddetto rigalimoni, utensile adoperato per creare riccioli o sottili strisce di scorza di agrume.

Ti è piaciuto l’articolo? Segui la nostra pagina Facebook con un like. Ogni giorno scoprirai interessanti novità sull’utilizzo del limone!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi commenti!
Inserisci il tuo nome