Giallo limone: alla scoperta della psicologia del colore

0
168
significato colore giallo

Ogni colore trasmette un significato ben preciso, ma il giallo è di certo il più particolare. Vivi Limone vi svela il perché!

Conoscere e sfruttare la simbologia dei colori è oggi un concetto molto importante che interessa e coinvolge diversi ambiti (cosmesi, marketing pubblicitario, moda, benessere, design, ecc.), tutti con il preciso scopo di suscitare al proprio pubblico determinate sensazione ed emozioni.

Tra tutti i colori il più complesso e particolare da analizzareil è il giallo, soprattutto per le sue ampie variazioni di significato che ha ricoperto nell’arco della storia. Scopriamo quindi la simbologia di questo colore che è al contempo anche il colore splendende dei nostri limoni.

PSICOLOGIA E SIGNIFICATO

Il giallo è uno dei tre colori primari, è simbolicamente associato alla luce del sole e rimanda all’energia fisica e mentale, ma anche all’illuminazione e quindi alla conoscenza. Nella psicologia dei colori, chi predilige il giallo è un soggetto socievole ed estroverso, con una spiccata immaginazione, sempre ricco di idee, amante delle nuove esperienze e molto attento all’opinione di chi lo circonda, tanto da ricercare spesso l’approvazione altrui.

Nella cromoterapia il colore giallo infonde sensazioni di calore e serenità e favorisce la concentrazione e l’apprendimento. Tale significato si mantiene anche nella disciplina dello Yoga, in quanto legato al “terzo chakra” che definisce le funzioni e le attività dell’intelletto.

SIMBOLOGIA NELLA STORIA

Con il passare dei secoli il colore giallo ha ricoperto significati alterni, variando nell’arco della storia. Ad esempio nell’antica Grecia il giallo era il colore che identificava le persone ritenute pazze, poiché obbligati ad indossare indumenti di questa tinta in modo da distinguersi dagli altri. Invece, per i romani aveva significati ben diversi, quali ricchezza, benessere e fortuna.

A partire dal medioevo, nella cultura occidentale, il giallo inizia ad avere una connotazione prettamente negativa, rappresentando inganno e tradimento, distinguendolo nello specifico dal color oro, simbolo di prosperità, energia e potenza. Inoltre, nel XIII secolo il giallo inizia ad essere usato per identificare gli esclusi e i condannati, come gli ebrei, a cui viene anche imposto dal IV Concilio Lateranense di indossare il segno distintivo della stella di David (proprio di colore giallo), usanza ripresa in seguito dai nazisti durante il periodo dell’olocausto.

Il cambiamento di rotta in senso positivo si ha intorno al XVIII secolo, quando nell’ambito degli studi della scala cromatica dei colori viene introdotta la cosiddetta “Teoria dei colori”, che riconosce e identifica il giallo come uno dei tre colori primari.

CURIOSITÁ

Tra i popoli orientali il colore giallo ha importanti significati positivi, ad esempio nella cultura buddista è simbolo di saggezza, in quella cinese rappresenta l’imperatore, ma anche la spiritualità, la tolleranza e la salute. Mentre nella cultura giapponese è simbolo di grazia e nobiltà.

Nell’ambito dell’interior design il giallo è una tinta adatta a soggiorni e sale da pranzo, perché favorisce le conversazioni socievoli ed è idoneo anche alla cucina in quanto è un colore che stimola l’appetito. È ideale per le camere da letto delle persone che desiderano rigenerarsi al risveglio, ma sconsigliata per coloro che hanno difficoltà ad addormentarsi. Inoltre, secondo alcuni studi, il giallo è il colore più adatto alle aule scolastiche poiché stimola curiosità e creatività.

Ti è piaciuto l’articolo? Segui la nostra pagina Facebook con un like. Ogni giorno scoprirai interessanti novità sul limone!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi commenti!
Inserisci il tuo nome